DEApress

Wednesday
Oct 18th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Fratelli Stellari: musica per divertirsi con gli alieni

E-mail Stampa PDF

fratelli-stellari-djonemesis-and-lilly-945x945.jpg

 

I Fratelli Stellari sono un gruppo di scrittori e cantanti residenti in Italia (Firenze e Torino). Secondo alcune indiscrezioni, tutti i membri di questa band sono di origine aliena (provenienti dalla Cintura di Orione), ma essi si nascondono fra i terrestri ricorrendo a pseudonimi e travestimenti vari. Amano sperimentare vari generi di musica: pop, dance, disco, funk, elettronica; cantano in inglese, italiano, spagnolo e francese. I Fratelli Stellari curano il loro aspetto e appaiono spesso con costumi spaziali; i testi delle canzoni sono talvolta improntati all'umorismo. Registrano abitualmente in due studi, uno a Firenze e l'altro a Torino: i Pleyad Studios, che è anche il nome della loro etichetta discografica. I produttori e i manager del gruppo sono Fabio Nocentini e Giuseppe Ciucci.

Il gruppo ha pubblicato due libri in italiano: "Dall'Egitto con Furore"e "50 Sfumature di Alieno"; l'editore è Youcanprint.it.

 

L’album “Aglien Discomix” è uscito il 15 marzo 2016, con etichetta Pleyad Studios: comprende 16 brani di genere pop-dance-electronic, e si ispira ai misteri dello spazio. I testi delle canzoni, scritti dai membri della band, si riferiscono in qualche caso a situazioni esistenti, ma si parla anche di verità sconosciute alla maggior parte delle persone, soprattutto in relazione agli extraterrestri. Il disco, come già detto, può essere inquadrato in due o tre tipologie musicali, così da soddisfare gusti differenti. Alcune canzoni sono cantate, altre rappate o parlate; a ciò si aggiungono vari effetti computerizzati (flanger, phaser, riverberi, rumori di astronavi, equalizzazioni e modulazioni elettroniche), applicati sia alle voci (che talvolta sembrano completamente stravolte), sia alle basi musicali. Le canzoni intendono lanciare messaggi relativi a verità o a realtà diverse da quelle terrestri, ricorrendo tuttavia all’ironia, in modo che gli ascoltatori di questo disco siano stimolati ad affrontare la vita quotidiana con il sorriso e il buonumore.

Dopo il successo del loro primo album, i Fratelli Stellari si sono messi all'opera per registrare altri brani musicali, usciti nella primavera-estate 2016 con etichetta Pleyad Studios.

"Ufo Dance (Space Edit)" è un singolo di 5.45 minuti, nel quale gli alieni invitano i terrestri a ballare con loro, a bordo di un disco volante multiaccessoriato; "Milky Way Super Mix" è un singolo disco-dance della durata di 10.00 minuti, poiché i Fratelli Stellari prediligono musiche gioiose, capaci di stimolare l'allegria.

Uno dei membri della band si presenta agli ascoltatori come "DJoNemesis & Lilly" in omaggio alla gatta sua ispiratrice, Lilly Sacra d'Orione: cantante e remixer, DJoNemesis ha pubblicato nell'aprile 2016 il singolo "Baffo d'Oro", una canzone pop-elettronica dedicata ai gatti e agli amanti di queste creature straordinarie; un altro singolo si intitola "Home Visitors" e nel luglio 2016 è uscito il suo primo album, "Interstellar Melody".

"Nightflight to Planet X" è il secondo album dei Fratelli Stellari: si ispira al mistero del Nono Pianeta del nostro Sistema Solare e include 8 tracce, nelle quali gli artisti si sbizzarriscono cantando in italiano, inglese, spagnolo e francese. In questo album troviamo canzoni come "Machu Big", un esperimento di musica funk in cui si accenna alla più grande base aliena presente sulla Terra, nascosta in Perù, sotto le rovine del Machu Picchu: 250 stanze con uso di cucina, toilette e ampia piscina. "Rappelée au cimetière" è pensata per coloro che conoscono la lingua francese e si interessano alle atmosfere gotiche del cimitero di Père-Lachaise a Parigi; "El Misterio del Espacio" si rivolge invece agli ascoltatori di lingua spagnola; segnaliamo anche "The Mummy's Dance", canzone nella quale entra in gioco il Museo Egizio di Torino; inoltre, il remix di una hit appartenente al primo album: "Back to Planet X", remix realizzato da DJoNemesis & Lilly.

Il terzo singolo della band si intitola "Matres Alienorum", nel quale le Tre Madri degli alieni (e naturalmente dei Fratelli Stellari) parlano di sé e della loro promettente carriera di cantanti interstellari.

"Galactic Sound" è il terzo album: anch'esso comprende canzoni in varie lingue (addirittura un ritornello in latino) e, come di consueto, vede la partecipazione di vari vocalist, tra cui DJoNemesis, Stella Demaris, Dorien Dorion, Ritanne du Lac, Mauna Ki e La Vecchina dell'Aceto. Da segnalare le seguenti canzoni: "DJ Vequine Alien Mix", in cui un'anziana cantante nonché dj si manifesta nel suo splendore; "Campo di Marte", dedicata alla città di Firenze; "We Are Coming Soon", che annuncia l'imminente arrivo degli alieni; "Mantra Meditation"... indescrivibile, bisogna ascoltarla!

L'ultimo singolo, uscito nell'agosto 2016, si intitola "50 Sfumature di Alieno" e si ricollega all'omonimo libro realizzato dal gruppo.

Tutte le canzoni dei Fratelli Stellari e di DJoNemesis & Lilly possono essere ascoltate gratuitamente su Spotify, Deezer e Bandcamp; inoltre sono acquistabili in molti siti web, come iTunes, Amazon, Google Play Store e altri. Su YouTube troverete vari video.

 

Sito web ufficiale  -  Pagina Facebook  -  Canale YouTube  -  Google Plus

 

Fratelli-Stellari-DJoNemesis-Lilly-9-album-pic.jpg

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Sabato 22 Ottobre 2016 09:45 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 17 Ottobre 2017
Il socialismo bolivariano non ha una buona stampa in Italia e nemmeno nel resto d'Europa. Per giorni è lanciato in prima pagina, attaccato con le più grandi bugie, poi viene consegnato al silenzio quando dimostra nei fatti di essere un "esperimento...
Riccardo Fratini . 17 Ottobre 2017
Il voto di Vienna ha dato la sua preferenza a destra. Una scelta che si allontanna dal pensiero europeo avvicinandosi allo scettiscismo di chi dispone una chiusura mentale di fronte al progetto di una Europa globalizzata. Certo se per "Europa global...
L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
  Il fascino di un racconto estemporaneo e leggendario viene rivestito di un sound ibrido che alterna musica classica e prog per un risultato del tutto innovativo ed accattivante. “Il Distacco” è un brano che racconta l’evento epico della separazi...
DEApress . 16 Ottobre 2017
I premi al miglior medio e corto sono andati rispettivamente a “On the Edge of Life” di Yaser Kassab (Siria) e “Duelo” di Alejandro Alonso Estrella (Cuba). La targa Gian Paolo Paoli va a “Maman Colonelle” di Dieu...
DEApress . 16 Ottobre 2017
“La via Sonora – Musica che urla”| Associazione Musica a Traverso LA VIA SONORA è il progetto pilota che attraverso una serie di eventi affronta il tema dei diritti umani usando l’arte e la musica in particolare. MUSICA CHE URLA focalizza l’atten...
L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
  Il modello e ballerino debutta nel panorama discografico sperimentando un mix di musica trance, dance, ed elettronica EDM in un pezzo che sa accontentare i palati musicali di vecchie e nuove generazioni. Un "esperimento sonoro" audace ed ipnotico...
L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
  Il punto di vista sempre acuto e pungente dei sei istrionici musicisti dà ora vita al racconto musicale che descrive metaforicamente chi vive di rendita senza mai esporsi in prima persona. “Cucù” è un brano che prende un po' in giro gli arrampica...
L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
  La malinconica fotografia di Torino è culla del ricordo di un amore ormai sbiadito, supportato da un suono dinamico e coinvolgente che si libera in un ritornello dalla melodia trascinante. "Giorni di Periferia" è l'unico pezzo d'amore che Mac...
L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
  Con la collaborazione autorale di Giuseppe Anastasi e la produzione artistica di ValterSacripanti, nasce un brano che sviscera le dinamiche del percorso di crescita e maturazione che ognuno di noi affronta, attraverso un sound pop-rock di forte im...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons